Correzioni rotatorie

Mentre per una correzione rotatoria di pochi gradi si può procedere acutamente dopo una corticotomia, per una correzione di 20 gradi, è opportuno costruire un montaggio speciale che permette la rotazione progressiva dei monconi da trattare.

Le principale variante di costruzione è costituita dalla connessione di due anelli contigui, tra i quali è stata eseguita una corticotomia o con il montaggio descritto nella (fig. 39). Bisogna agire progressivamente sui dadi delle astine filettate, al ritmo di 1-2mm. al giorno.
Qualora l’asse dei monconi da ruotare sia esattamente corrispondente al centro degli anelli dell’apparato, la risultante del movimento sarà solo di rotazione (fig. 39), mentre, come più comunemente avviene, l’asse dell’osso non corrisponde al centro degli anelli, la risultante del movimento, sarà non solo una rotazione, ma anche una traslazione ad latus (fig. 40).

Comunque raggiunta la correzione rotatoria, si può sempre applicare un montaggio di traslazione come già suggerito, oppure eseguire una rotazione-traslazione mediante il montaggio descritto nella (fig. 41).

Correzioni rotatorie

Correzioni rotatorie